Tax & Legal Insights

Conversione Decreto Energia e altre novità


24 Maggio 2022

Il decreto Energia diventa finalmente Legge

1. Proroga della rideterminazione del costo fiscale dei terreni e delle partecipazioni non quotate.

Con riferimento alla possibilità di affrancare in tutto o in parte il valore all’1/1/2022 delle partecipazioni non quotate qualificate e non qualificate e dei terreni edificabili e con destinazione agricola posseduti a tale data da persone fisiche (al di fuori del regime d‘impresa), società semplici, associazioni professionali ed enti non commerciali al di fuori dell’eventuale attività commerciale esercitata (si veda la nostra Tax & Legal Alert#4 del 16/3/2022), viene differito dal 15/6/2022 al 15/11/2022 il termine entro il quale occorrerà:

  • effettuare la redazione e il giuramento di un’apposita perizia di stima, da parte di un soggetto abilitato;
  • procedere con il versamento in autoliquidazione di un’imposta sostitutiva del 14% sul valore periziato, da parte del contribuente.

Si ricorda che è possibile eseguire il versamento dell’imposta sostitutiva in tre rate annuali di pari importo a partire dal 15/11/2022, applicando un interesse annuo del 3%.

2. Estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica.

Con il D.L. 36/2022 (c.d. “Decreto PNRR 2”), viene esteso l’obbligo di emissione della fattura elettronica a partire dal prossimo 1/7/2022 per:

  • i soggetti che adottano il regime forfetario (L. 190/2014, art. 1 commi da 54 a 89);
  • i soggetti che adottano il regime di vantaggio (D.L. 98/2011, art. 27 commi 1 e 2);
  • le associazioni sportive dilettantistiche (L. 398/1991, art. 1 e 2);

che hanno realizzato ricavi/compensi 2021, ragguagliati ad anno, superiori ad € 25.000.
La fatturazione elettronica sarà obbligatoria per tali soggetti, indipendentemente dalla soglia dei ricavi, a partire dall’1/1/2024. Resta fermo l’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione indipendentemente dai ricavi/compensi conseguiti.
Per il periodo transitorio dall’1/7/2022 al 30/9/2022, la fattura, in luogo agli ordinari termini di emissione, può essere emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione senza l’applicazione delle sanzioni di cui al D.Lgs. 471/1997.
Il nuovo obbligo di fatturazione elettronica per i predetti soggetti comporterà:

  • la necessità di procedere alla conservazione elettronica delle stesse, secondo quanto disposto dall’art. 39 del D.P.R. 633/1972. A tal fine si ricorda che è possibile avvalersi del servizio di conservazione gratuita offerta dall’Agenzia delle Entrate;
  • l’obbligo di invio dei dati relativi alle operazioni da/verso l’estero (c.d. “esterometro”) utilizzando il formato previsto per la fatturazione elettronica secondo le modalità stabilite dalla L. 178/2020 (Finanziaria 2021);
  • l’obbligo di emissione della fatturazione elettronica nei confronti di operatori di San Marino.

Rimane in vigore, invece, almeno fino a fine 2022, il divieto di emissione di fatture elettroniche per i soggetti:

  • tenuti all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria con riferimento alle fatture i cui dati devono essere inviati al Sistema TS (art. 10-bis del D.L. 119/2018);
  • che, pur non essendo tenuti all’invio dei dati al Sistema TS, effettuano prestazioni sanitarie nei confronti delle persone fisiche (art. 9-bis del D.L. 135/2018).

3. Sanzioni per mancata accettazione di pagamenti elettronici – Trasmissione giornaliera dati.

L’art. 18 del D.L. 36/2022 ha anticipato il momento a partire dal quale saranno applicate sanzioni per la mancata accettazione di pagamenti elettronici tramite carta di credito o debito e altri strumenti elettronici. In particolare viene anticipato al 30/6/2022 (anziché al precedente 1/1/2023) il termine a partire dal quale nei casi di mancata accettazione di un pagamento, di qualsiasi importo, con una carta di debito o di credito e altri strumenti elettronici da parte di un soggetto che svolge attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, si applica nei confronti del medesimo soggetto la sanzione amministrativa pecuniaria pari a € 30, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento.
Viene esteso l’obbligo di trasmissione giornaliera dei dati identificativi degli strumenti di pagamento elettronico nonché l’importo complessivo delle transazioni effettuate tramite strumenti di pagamento elettronico anche per i POS “non evoluti”.  

4. Credito d’imposta per investimenti pubblicitari – Nuova disciplina dal 2023.

Viene disposto che a partire dal 2023 il credito d’imposta per investimenti pubblicitari (art. 57-bis del D.L. 50/2017) ritorni al regime ordinario, e pertanto il credito d’imposta sarà concesso:

  • esclusivamente per gli investimenti effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line;
  • nella misura unica del 75% del valore incrementale dei suddetti investimenti.

Viene fissato il limite massimo di spesa di € 30 milioni in ragione d’anno.
Il beneficio non potrà più essere fruito per gli investimenti pubblicitari effettuati sulle emittenti radio-televisive, analogiche o digitali.

5. Opzione per la cessione del credito o lo sconto in fattura per gli interventi “edilizi”.

Viene integrata la disciplina della cessione dei crediti d’imposta relativi alle opzioni per lo sconto sul corrispettivo o la cessione del credito di cui all’art. 121 del D.L. 34/2020 (si veda la nostra Tax & Legal ALERT 5# del 12/4/2022), consentendo un’ulteriore cessione (successiva alle tre già previste: la prima a favore di tutti i soggetti e le altre due a favore dei soggetti “vigilati”):

  • da parte delle banche;
  • a favore dei loro correntisti;
  • qualora la comunicazione dell’opzione ex art. 121 del D.L. 34/2020 sia trasmessa dall’1/5/2022.

Merita evidenziare che è stato annunciato un nuovo intervento al citato art. 121 con il quale si intenderebbe estendere l’ulteriore possibilità di cessione (ora prevista esclusivamente per le banche) anche ad altri soggetti “vigilati” e apportare ulteriori correttivi al sistema di circolazione dei crediti in esame.
Viene inoltre prevista un’ulteriore proroga al 15/10/2022 del termine entro cui deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate la comunicazione dell’opzione di cessione del credito o di sconto in fattura per le detrazioni edilizie, ex art. 121 del D.L. 34/2020, relativamente alle:

  • spese sostenute nel 2021;
  • rate residue non fruite delle detrazioni riferite alle spese sostenute nel 2020.

Tale ulteriore proroga trova applicazione soltanto per:

  • i soggetti passivi IRES e i titolari di partita IVA;
  • tenuti a presentare la dichiarazione dei redditi entro il 30/11/2022.

6. Comunicazione all’enea per interventi di recupero edilizio, antisismici e “bonus mobili”.

L’art. 24 del D.L. 36/2022 ha sostituito il comma 2-bis dell’art. 16 del D.L. 63/2013 prevedendo l’estensione dell’obbligo di comunicazione all’ENEA per gli interventi di cui al predetto art. 16 e cioè per gli interventi volti al recupero edilizio, gli interventi antisismici e il bonus mobili indipendentemente dal fatto che essi comportino un risparmio energetico. La norma in commento estenderebbe pertanto il campo di applicazione degli interventi oggetto di comunicazione, anche agli interventi dai quali non derivi un risparmio energetico. La comunicazione attualmente viene svolta in via telematica ad opera dei contribuenti che intendono avvalersi della detrazione fiscale o dall’intermediario che compila l’informativa per conto del cliente entro 90 giorni dalla data di ultimazione lavori.
Si precisa che la norma non specifica la decorrenza del nuovo obbligo. Al momento si presume che la comunicazione riguardi tutti gli interventi che si sono conclusi a partire dall’1/5/2022, data di entrata in vigore del Decreto.
Il comma 2-bis non stabilisce inoltre quali siano le sanzioni in caso di omessa presentazione della comunicazione. È stato chiarito dall’Agenzia delle Entrate che l’omessa trasmissione all’ENEA non compromette in ogni caso il diritto a beneficiare della detrazione fiscale; tale onere, infatti, ha una mera finalità di monitoraggio.

7. Aliquota iva del 5% per le somministrazioni di gas metano.

Viene ulteriormente prorogata l’aliquota IVA del 5% per le somministrazioni di gas metano destinato alla combustione, per usi civili e industriali, anche alle fatture emesse per i consumi dei mesi di aprile, maggio e giugno 2022.
In precedenza, il beneficio era già stato previsto per il quarto trimestre 2021 e per il primo trimestre 2022 (si veda la nostra Tax & Legal Alert #1 del 25/1/2022).
In maniera analoga ai precedenti interventi normativi, il Decreto stabilisce che, “qualora le somministrazioni di cui al primo periodo siano contabilizzate sulla base di consumi stimati, l’aliquota IVA del 5% si applica anche alla differenza derivante dagli importi ricalcolati sulla base dei consumi effettivi riferibili, anche percentualmente, ai mesi di aprile, maggio e giugno 2022”.

8. Ulteriore proroga dell’entrata in vigore del codice della crisi.

L’art. 42 del D.L. 36/2022 ha modificato l’art. 389 del D.Lgs. 14/2019 Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza (CCII) ed in particolare ha:

  • rinviato al 15/7/2022 l’entrata in vigore del CCII;
  • abrogato il comma 1-bis del medesimo articolo, che prevedeva che le procedure di allerta e composizione assistita della crisi sarebbero entrate in vigore il 31/12/2023, in vista del definitivo superamento delle stesse.

Restano salve invece le norme che sono in vigore dal 16/3/2019, tra cui vi sono le modifiche introdotte al codice civile.
Si ricorda che originariamente il CCII sarebbe dovuto entrare in vigore il 15/8/2020, nel pieno dell’emergenza economica derivante dalla diffusione del Covid-19. Il Governo aveva disposto un primo rinvio dell’entrata in vigore del Codice all’1/9/2021 e successivamente un secondo rinvio al 16/5/2022 per consentire l’adeguamento degli istituti contenuti nel Codice della Crisi ai principi della direttiva UE 2019/1023 in tema di ristrutturazione e insolvenza (c.d. direttiva “Insolvency”), il cui termine ultimo per il recepimento è previsto per il 17/7/2022.
Strumenti di allerta e composizione assistita della crisi:
L’art. 42 del D.L. 36/2022 ha abrogato il comma 1-bis dell’art. 389 del CCII, visto il definitivo superamento della disciplina dell’allerta e della composizione assistita della crisi, unitamente alla figura dell’OCRI, come originariamente concepita, che il Legislatore intende sostituire con le nuove misure contenute nello schema di decreto correttivo del Codice della Crisi, il cui iter di approvazione è ancora in corso.
In particolare, il Legislatore intende favorire la tempestiva emersione dello stato di crisi per poter perseguire con più efficacia il risanamento dell’impresa. A tal fine è stato introdotto l’istituto della composizione negoziata della crisi (D.L. 118/2021), una procedura stragiudiziale ad accesso volontario, rivolta alle imprese che presentino ragionevoli prospettive di risanamento. Inoltre il Legislatore ha introdotto in capo all’organo di controllo societario e ai creditori pubblici qualificati (Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Entrate Riscossione, Inps, Inail…) l’obbligo di segnalare per iscritto all’organo amministrativo la sussistenza dei presupposti per la presentazione dell’istanza di accesso alla composizione negoziata (D.L. 152/2021).
Con il decreto correttivo in corso di approvazione il Legislatore intende recepire queste misure nel Codice della Crisi, con l’obiettivo di favorire la creazione di un meccanismo di monitoraggio esclusivamente interno all’impresa, funzionale ad incentivare gli organi sociali a verificare tempestivamente la situazione di difficoltà in cui si trova l’impresa e a ricorrere alla composizione negoziata della crisi, ove ne ricorrano i presupposti.

9. Proroga del termine per il rinnovo dei certificati di sicurezza Entrate.

Con Comunicazione del 29/4/2022 l’Agenzia delle Entrate ha prorogato il termine per il rinnovo dei certificati di sicurezza Entratel al 31/12/2022.
Il rinnovo dei certificati di sicurezza può essere effettuato utilizzando le applicazioni “Desktop Telematico – Entratel” oppure “Generazione certificati”, mediante le quali è possibile anche verificare l’aggiornamento dei certificati.
Di seguito i passaggi operativi evidenziati nel sito dell’Agenzia delle Entrate per effettuare tale rinnovo tramite:

  • Desktop Telematico: utilizzare la funzione “Sicurezza – Visualizza certificati” del menù “Entratel”, selezionare il bottone “Dettaglio” dopo aver specificato il certificato da verificare, e verificare che nella cartella “Generale – Certificato selezionato” appaia la dicitura “Chiave Pubblica: Sun RSA public key, 4096 bits”; nel caso la dicitura elenchi un valore diverso, il certificato dovrà essere aggiornato procedendo alla revoca dell’ambiente di sicurezza e alla generazione di un nuovo ambiente di sicurezza”;
  • Gestione certificati: utilizzare la funzione “Gestisci ambiente – Visualizza certificati”, selezionare il bottone “Dettaglio” dopo aver specificato il certificato da verificare, e controllare che nella cartella “Generale – Certificato selezionato” appaia la dicitura “Chiave Pubblica: Sun RSA public key, 4096 bits”. Qualora la dicitura descriva un valore diverso, il certificato dovrà essere aggiornato procedendo alla revoca dell’ambiente di sicurezza e alla generazione di un nuovo ambiente di sicurezza”.

Eventuali richieste di generazione dei certificati effettuate con una versione non aggiornata delle applicazioni, saranno scartate dal sistema con il messaggio: “Formato della richiesta di iscrizione al registro utenti non valido (K1024). Verificare la versione del software di generazione dell’ambiente di sicurezza“.

Scarica la circolare
24 Maggio 2022
Download
Seguici:

Vicenza

Strada Marosticana, 6/8
36100 Vicenza
+39 0444 228000
info@adacta.it

Milano

Via Visconti di Modrone, 21
20122 Milano
+39 02 91220022
info@adacta.it

Copyright ©2021 Adacta Studio Associato - P.IVA:02966540243 - Privacy Policy
Powered by Web Surfers